La Briciola

Da una briciola si può costruire il mondo

  • Archivi

  • Main Sponsor

    Specialità Gastronomiche

  • Gli specialisti del frumento

  • Design Factory

  • Dal cuore del molise

  • Pregiata pasta artigianale

  • Lo specialista delle farine

  • Tartuflanghe

  • STILE ITALIANO NELLA RISTORAZIONE

  • Trasparenti con gusto

  • Articoli Recenti

  • Sapori Italiani

  • Prodotti gastronomici dalle Dolomiti

  • Pedrini

  • Vino che passsione

  • Insieme a tè

  • Azienda Agricola DI NUNZIO

  • Utensili e decorazione per pasticceria - dolciumi

  • Decor Food

  • Qualità, freschezza e cultura dolciaria secolare

  • Visite

    wordpress visitor counter

  • Briciole Online

  • Le Briciole nel mondo

    free counters
  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

    Segui assieme ad altri 9 follower

Archive for the ‘Aromi’ Category

Timo

Posted by La Briciola su 26 agosto 2010

Uso in cucina:

Il suo sapore è aromatico piccante e nella cucina europea il timo ha un posto importantissimo: viene utilizzato per aromatizzare pastasciutte, ripieni, carni arrosto e grigliate, pesci, liquori e aceti. Il timo è un ingrediente che si può unire al vino, all’aglio, alla cipolla ed al brandy per realizzare salse per piatti di carne (bue, selvaggina pollame, montone, cinghiale, maiale, anitra, oca , faraona, coniglio, lepre e pollo).

Coltura:

La coltura del timo dura 3-4 anni poiché la pianta tende a lignificare. Nei climi più freddi si comporta da annuale dato che difficilmente supera i rigori invernali. In questi ambienti, nel periodo autunnale, si interviene con la pacciamatura come metodo preventivo.

Annunci

Posted in Aromi | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Sedano

Posted by La Briciola su 26 agosto 2010

Il cuore del sedano può essere consumato fresco in insalata o in pinzimonio, mentre le costole esterne possono essere impiegate nella preparazione di zuppe e minestre. Si conserva molto a lungo in frigorifero, ma resta croccante solo per quattro o cinque giorni.

Coltura:

Il sedano, in particolare il Verde di Perpignano, coltivato in orto predilige il clima temperato, caldo e umido. Teme la siccità e il gelo.

Il terreno fresco, a medio impasto ricco di sostanza organica, profondo e a PH neutro.

Irrigazioni regolari per tutto il ciclo vitale, soprattutto dopo il trapianto, evitando il ristagno idrico

Posted in Aromi | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Scalogno

Posted by La Briciola su 26 agosto 2010

Uso in cucina:

Lo scalogno ha un sapore meno intenso della cipolla ed è adatto per preparazione di insalate. Ne è consigliato l’uso a crudo perché, ad esempio, nei soffritti tende a divenire amaro.

Posted in Aromi | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Salvia

Posted by La Briciola su 26 agosto 2010

Uso in cucina:

Nonostante la sua origine mediterranea, la presenza della salvia per aromatizzare carni di vario genere è consolidata da secoli in quasi tutte le tradizioni culinarie d’Europa. Meno comune ma non raro è il suo impiego per cibi di tipo diverso: pasta (notissimi in Italia i tortellini burro e salvia), formaggi (p.es. alcuni formaggi alle erbe), foglie di salvia fritte e anche zuppe.

In Medio Oriente la salvia viene usata per aromatizzare l’arrosto di montone.

Coltura:

Per coltivare la salvia è indicato un clima caldo e soleggiato. Sopporta infatti la siccità, ma resiste bene anche alle gelate, anche se è preferibile proteggere la pianta e le radici in caso di temperature troppo rigide coprendole con della paglia, tronchi o pezzi di corteccia.

Pur adattandosi a tutti i tipi di terreno, è consigliabile piantare la salvia in un terreno leggero, leggermente calcareo o anche sabbioso, ben drenato per evitare ristagni d’acqua.

Posted in Aromi | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Rosmarino

Posted by La Briciola su 26 agosto 2010

Uso in cucina:

Il Rosmarino viene utilizzato in cucina o nell’industria degli insaccati come pianta aromatica

Coltura:

Richiede posizione soleggiata al riparo di muri dai venti gelidi; terreno leggero sabbioso-torboso ben drenato; poco resistente ai climi rigidi e prolungati.

Si può coltivare in vaso sui terrazzi, avendo cura di porre dei cocci sul fondo per un drenaggio ottimale, rinvasando ogni 2-3 anni, usando terriccio universale miscelato a sabbia, concimazioni mensili con fertilizzante liquido miscelato all’acqua delle annaffiature, che saranno controllate e diradate d’inverno.

In primavera si rinnova l’impianto cimando i getti principali, per ottenere un aspetto cespuglioso, senza dover ricorrere ad interventi di potatura

Posted in Aromi | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Porcellana

Posted by La Briciola su 26 agosto 2010

Uso in cucina:

Le foglie dal sapore acidulo, crude o cotte, si consumano in insalata; sono utilizzate per preparare minestre saporite e rinfrescanti, si possono conservare sottaceto. Nella cucina napoletana era un tempo raccolta insieme alla rucola da piante che crescevano spontaneamente, e venduta da ortolani ambulanti.

Coltura:

Esposizioni luminose e soleggiate. Terreni misti, soffici e ben drenati. Annaffiature scarse ma regolari.

Posted in Aromi | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Prezzemolo

Posted by La Briciola su 26 agosto 2010

Uso in cucina:

Ha un sapore aromatico e poco salato. Questa pianta per il suo particolare aroma insaporisce insalate, zuppe, creme, minestre, ripieni, marinate , salse e sughi, arrosti e grigliate, salmì, brasati e stufati, conserve di frutta e di verdure.

Coltura:

Il prezzemolo predilige il clima temperato anche se non teme il freddo.
Esposizione: luminose ma non troppo soleggiate.
Terreni soffici, a medio impasto, ricchi di sostanza organica, ben drenati e pH che si aggira intorno a 6,5 -7.

Annaffiature costanti e regolari per mantenere umido il terreno.

Posted in Aromi | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Origano

Posted by La Briciola su 26 agosto 2010

Uso in cucina:

Ha un sapore aromatico piccante. Il suo profumo ricorda anche quello delle pinete nelle giornate calde. E’ abbastanza usato nella cucina francese, spagnola e greca; ma l’Italia è il paese che lo utilizza maggiormente. E’ buonissimo con la carne alla griglia e arrosto, col pesce e con i crostacei.

Coltura:

Per crescere al meglio e dare tutto il suo aroma deve svilupparsi al sole, al caldo e all’aria. Coltivato in luoghi ombreggiati e freschi la qualità e la quantità di oli essenziali diminuisce sensibilmente. Sono le piante che crescono in prossimità delle zone marine che hanno la maggiore fragranza.

Man mano che la vegetazione si secca è necessario rimuoverla.

Non è una pianta particolarmente grande per cui deve essere fatto accuratamente il controllo delle erbe infestanti.

Devono essere fatte abbastanza regolarmente le lavorazioni del terreno in modo da rimuovere la crosta superficiale che rendono il terreno asfittico soprattutto se la coltivazione avviene in terreni argillosi.

Posted in Aromi | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Maggiorana

Posted by La Briciola su 26 agosto 2010

Uso in cucina:

La maggiorana ha un aroma molto simile a quello dell’origano ma molto più dolce ed è molto ricercato in cucina per insaporire carne, pesce, verdure e minestre. Poichè è una pianta che con l’essiccazione perde il suo aroma, è bene usarla fresca, aggiungendola a fine cottura.

Con le foglie, fresche o secche di maggiorana si prepara un delizioso té che ricorda come fragranza un misto di timo, rosmarino e salvia.

Coltura:

La maggiorana è una pianta che si adatta tranquillamente a qualunque tipo di terreno anche poveri, anche se preferisce terreni a reazione alcalina , permeabili e asciutti e con una buona dose di sostanza organica.

Non tollera i terreni umidi soprattutto d’inverno soprattutto se associati a temperature troppo basse.

Le piante di maggiorana sono molto rustiche e non richiedono concimazioni particolari. All’impianto si fa una concimazione completa con Azoto, Fosforo e Potassio.

La fioritura della maggiorana avviene da luglio a settembre ed i semi maturano da agosto a settembre

Posted in Aromi | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Lavanda

Posted by La Briciola su 26 agosto 2010

Usi in cucina:

La Lavanda è entrata a far parte della tradizione popolare grazie al suo delicato,fresco e persistente profumo.
Si perché il suo aroma può essere felicemente mischiato a quello del vino rosso; dopo 15 gg si filtra. 
Lavanda è originale e stimolante. I fiori si usano per insaporire le marmellate, per profumare l’aceto o mescolati ad altre erbe, per insaporire stufati.
Gli stessi fiori possono anche essere conditi.
Molto diffuso è il miele di Lavanda.
La lavanda viene anche usata per fare gli infusi: 1 grammo in un recipiente d’acqua.

Coltura:

Tutti i tipi di lavanda, sia angustifolia che intermedia,che stoechas,coltivate in piena terra hanno pochissime esigenze di acqua, di concimazione e di cure.

E’ bene scegliere un posto ben assolato, perchè in questo modo la lavanda crescerà armoniosamente, senza orientarsi alla ricerca del sole;

Il momento migliore per mettere a dimora le piante di lavanda e le piante aromatiche, è senz’altro dall’autunno a inizio primavera, in quanto non temendo il freddo, riusciranno a sviluppare un forte apparato radicale e saranno in grado di sopportare la siccità estiva con pochissime annaffiature.

La lavanda come tutte le piante in vaso possono essere messe a dimora in tutti i periodi dell’anno, ovviamente con l’aumentare del caldo, andranno seguite con maggiore attenzione, annaffiando, ma senza esagerare. Se l’ impianto sarà effettuato da maggio ad agosto nei primi tempi le piante avranno bisogno di essere annaffiata con regolarità e spesso).

Posted in Aromi | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: